Cos’è il permission Marketing?

Il permission marketing

Il permission marketing è un termine che è stato coniato da Seth Godin nel 1999. Si tratta di uno dei concetti più trattati negli ultimi venti anni e in sostanza definisce quella serie di strategie di marketing che si prefiggono l’obiettivo di ottenere il consenso del consumatore al comunicare con lui. Questa tecnica garantisce un vantaggio importantissimo: l’attenzione assicurata da parte dell’interlocutore visto che è lui ad aver acconsentito alla comunicazione.

Il permission marketing si contrappone all’interruptive marketing che invece prevede delle azioni non richieste nei confronti dei possibili consumatori come ad esempio le classiche telefonate o le campagne dem. Questa strategia aumenta in maniera importante il tasso di conversione visto che ci si rivolge a persone realmente interessate e non procede con tentativi senza logica.

Ottenere il permesso a fini promozionali non è sicuramente semplice ma le aziende possono indubbiamente fare leva su strumenti di marketing automation, ideali per automatizzare certi processi e relazionarsi con un pubblico che si è già dimostrato propenso all’acquisto di prodotti o servizi offerti dall’azienda. L’obiettivo è quello di utilizzare questi permessi a fini comunicazionali e per migliorare il business.

La marketing automation, strumento indispensabile per il permission marketing

Le strategie di marketing automation sono particolarmente adatte per avviare delle attività di permission marketing, tramite le quali si possono ottenere dei vantaggi importanti sotto il profilo commerciale. Questi strumenti permettono di svolgere quelle attività che sono determinanti per la permission:

  • Raccolta dei permessi da parte degli utenti che autorizzano così la ricezione di informazioni su tematiche di loro interesse e che riguardano anche l’attività dell’azienda. Gli opt-in forms sono uno strumento particolarmente utilizzato all’interno dei siti
  • Gestione dei permessi: la gestione delle sottoscrizioni prevede che si possano organizzare delle opzioni di sottoscrizione nelle mail, la segmentazione permette di creare delle liste di contatti, pensate sugli interessi e il comportamento dei lead
  • I permessi possono poi essere utilizzati per inviare delle comunicazioni mirate e con la massima attenzione al cliente

Le varie campagne promozionali e pubblicitarie spesso non funzionano perché il pubblico è così sollecitato e stimolato che in molti casi non ci fa attenzione. Proprio per questo motivo è importante agire su persone che ci hanno dato autorizzazione, in particolar modo su quando l’abbiamo ottenuta in maniera graduale e senza particolari pressioni e intrusioni.

Il permission marketing comporta delle specifiche azioni che intendono stuzzicare l’attenzione dell’utente e stimolarlo verso l’acquisto.


Condividi su:

Hai domande, cerchi informazioni? Scrivici compilando il form: sarai ricontattato dal nostro team.