Marketing Automation: i 4 errori da non commettere

Marketing Automation: i 4 errori da non commettere

La marketing automation è un’attività che si sta diffondendo anche nella aziende italiane per agevolare il rapporto con potenziali clienti, relazionarsi con dei lead, ottimizzare il processo di vendita, rivolgendosi a dei target specifici e mirati che possono essere realmente interessati alla nostra attività, ai nostri prodotti e ai nostri servizi.

Bisogna però utilizzare la marketing automation nel modo corretto per ottenere tutti i benefici desiderati, evitando, invece, che possa risultare improduttiva e anzi potenzialmente dannosa per la nostra attività. Ci sono 4 azioni che vanno assolutamente evitate per avere la certezza che i tuoi processi di marketing automatico funzionino e producano i risultati sperati.

Gli errori da non fare: non trattare il tuo target come un individuo

Gli utenti sul web accettano con più piacere dei messaggi personalizzati, redatti e pensati appositamente per le loro esigenze. L’errore è infatti quello di inviare un messaggio unico, senza alcuna distinzione tra i nostri potenziali clienti: l’unico modo per aumentare il tasso di risposta e di conversione è quello di realizzare dei contenuti arricchiti e personalizzati, magari che prevedano anche un’interazione digitale.

Seguendo questa strategia aumenterai la possibilità che i lead si ricordino del tuo brand e dei tuoi servizi, alzando le probabilità di un interessamento e di un potenziale acquisto. Facendo leva sulle elevate funzioni garantite dalle piattaforma di marketing automation, potrai concentrarti su segmenti specifici del database, selezionandoli in base alle loro preferenze.

Gli errori da non commettere con la marketing automation: non utilizzare il comportamento dell’utente per effettuare delle azioni

Il vantaggio dei software di marketing automation è quello di conoscere il comportamento degli utenti sul web e quindi di poter effettuare delle attività in base alle loro azioni e alle loro preferenze: fare leva sulle specifiche esigenze dei lead è la strategia vincente per ottenere dei benefici.

Non prendere in considerazione il comportamento degli utenti è uno degli errori da non fare quando si decide di adottare la marketing automation nella propria azienda. La strategia ideale è quella di inviare dei messaggi eterogenei e pertinenti rispetto alle informazioni che gli utenti stavano cercando. Se una persona trova interessante quello che gli hai inviato e se il messaggio è in linea con le sue esigenze del momento, allora aumenteranno anche i tassi di apertura e di conversione.

Ascolta il comportamento dell’utente, le pagine in vista, le e-mail aperte, le modalità di interazione. Imposta anche un modello di punteggio che ti aiuti a misurare l’interesse generale e in questo modo potrai impegnarti attivamente in una conversazione significativa con un potenziale lead.

Ogni attività deve essere progettata per soddisfare gli obiettivi aziendali: il successo della marketing automation

Quando si avviano delle strategie di marketing automation è importante che siano in linea con gli obiettivi aziendali: è inutile fare degli sforzi commerciali se non rientrano nel quadro del piano generale della nostra azienda. Spesso infatti si impostano anche delle metriche errate per valutare le varie attività avviate, anche perché spesso solo slegate dalla voce dei guadagni, cioè quella più importante per qualsiasi realtà.

Focalizzarsi sulle entrate è la strategia più performante per allineare la marketing automation con le esigenze di revenue dell’intero team di lavoro. La domanda che ogni specialista deve farsi è se i suoi sforzi lo stanno portando verso dei guadagni: prendi sempre in considerazione i costi avuti per ogni attività e confrontandoli con i vantaggi economici acquisiti.

Marketing automation, non cadere nella trappola di non valutare il canale su cui un lead si muove

La marketing automation deve essere avviata sul maggior numero possibile di canali: gli utenti non si muovono su strade univoche e il loro comportamento dipende dal momento della giornata o anche dalle loro abitudini consuete. È molto importante capire come si muovono i potenziali acquirenti e quale mezzo preferiscono: questa è la strategia migliore per entrare in contatto con loro e va sempre presa in forte considerazione.

L'approccio cross-channel è davvero fondamentale per eseguire una corretta attività di marketing automatico che sia assolutamente in linea con i nostri obiettivi e che soprattutto trovi il favore positivo degli utenti. Un passo importante è quello di conoscere il tuo target, capire come comunica.

BrainLead è una software ideale per aziende che necessitano di soluzioni automatizzate per la gestione dei propri lead e per relazionarsi con potenziali clienti: contattaci per maggiori informazioni e per conoscere nel dettaglio il nostro software.

Hai domande, cerchi informazioni? Scrivici compilando il form: sarai ricontattato dal nostro team.